Vulcanei
2ª edizione
6-7 Maggio 2017 – Castello di Lispida, Monticelli di Monselice (PD)

 

Ritorna il più grande banco d’assaggio di vini da suolo vulcanico.
Saranno presenti 28 aziende dei Colli Euganei e produttori provenienti da tutta Italia. Ospiti speciali arriveranno dalla Stiria e dalla Slovenia.

 

Ad accompagnare le degustazioni troverete prelibatezze locali:
Olio – Frantoio di Cornoleda, Frantoio Evo del Borgo, Frantoio di Valnogaredo, Frantoio Colli del Poeta
Pane – La Pignara, Bio Forno Colli Euganei
Pasta fresca – Tavole Tauriliane
Prosciutto – Salumificio Fontana di Este
Burger di oca – Littamè
Formaggi – Mucca Verde
Pesce – Nautilus
Caffè – Gustotop

 


Tasting guidati sul vino e sull’olio:

Prenotazione obbligatoria
scrivendo a: promozione@collieuganeidoc.com

Sabato 6 Maggio
Ore 16.00: I vini vulcanici del Veneto, così vecchi così giovani, degustazione di vecchie annate a cura di Carlo Zucchetti
Ore 17.00: Viaggio tra i vulcani Italiani, dal Veneto alla Sicilia, a cura di Vito d’Amanti (relatore AIS)
Ore 18.00: Colli Euganei … il rosso che sfida il tempo, degustazione di vecchie annate con Carlo Zucchetti (a grande richiesta)
Ore 18.00: Alla scoperta dell’olio dei Colli Euganei, degustazione guidata presso Sala del Caminetto
Ore 19.00: I vini della Stiria a cura del Consorzio Vulkanland

Domenica 7 Maggio
Ore 12.00: Alla scoperta dell’olio dei Colli Euganei, degustazione guidata a cura dell’AIPO
Ore 13.00: Bollicine vulcaniche a cura di Ornella Martellato (relatrice AIS)
Ore 14.00: I vini della Tuscia presentati da Carlo Zucchetti
Ore 15.00: Colli Euganei, dall’autoctono all’internazionale alla scoperta del carattere vulcanico, a cura di Vito d’Amanti (relatore AIS)
Ore 16.00: Vulture, Vesuvio, Campi Flegrei e Etna, il caldo fascino del sud, a cura di Ornella Martellato (relatrice AIS)
Ore 17.00: Alla scoperta dell’olio dei Colli Euganei, degustazione guidata a cura dell’AIPO

 

Degustazioni guidate e presentazioni a cura di Slow Food:

Prenotazione in loco presso lo stand di Slow Food.

Slow Food Colli Euganei e Bassa Padovana organizza degustazioni guidate con i formaggi di Mucca Verde, i salumi di Fontana di Este, la gallina padovana di Beghin. A breve maggiori informazioni.

Sabato 6 Maggio alle 16.30 si terrà la presentazione del libroIl senso della lumaca e altre storie” di Lucio Carraro, a cura di Gino Bortoletto.
“Un incontro con l’autore alla scoperta delle storie di persone, paesaggi e prodotti, i cui destini sono strettamente interconnessi e finiscono con il raccontare in modo corale il nostro territorio”

 

Concerti Jazz al tramonto
Sabato 6 Maggio ore 18: Tribidado Trio – Jazz dalla Stiria
In collaborazione con Jazz & Vino della Pace Cormons e Musik In Krumegg (Graz – Austria)

Domenica 7 Maggio ore 18: Eym Trio – Jazz dalla Francia
In collaborazione con Colli Euganei Jazz & Wine

 

Vulcanei in Volo
Per chi volesse rendere davvero unico il weekend di Vulcanei c’è una proposta superlativa: un volo panoramico sui Colli Euganei. Aereo privato, aperitivo a bordo, partenza dal Castello di Lispida.
In collaborazione con Lovivo Tour Experience, costi e info su: Vulcanei in Volo.

Vulcanei in Tour
Per chi ama la comodità è a disposizione una navetta “salva-patente” in partenza dall’area termale. A bordo sarà presente una guida turistica in lingua.
In collaborazione con Lovivo Tour Experience, costi e info su: Vulcanei in Tour.

 

Orari di apertura:
Sabato 6 Maggio dalle 14.00 alle 22.30
Domenica 7 Maggio dalle 10.30 alle 20.00

 

Costi:
Prevendita online: € 15.00 disponibile su www.vulcanei.wine
In loco durante l’evento: € 18.00
Il biglietto è comprensivo di calice, bisaccia, accesso libero a tutti i banchi d’assaggio del vino, concerti Jazz al tramonto.

 

Per prenotazioni e info sull’evento visitate il sito: www.vulcanei.wine
L’evento si terrà anche in caso di maltempo.

 

Il luogo che ospiterà l’evento: Castello di Lispida
Papa Eugenio III nel 1150 conferma all’ordine monastico di Sant’Agostino il possesso del colle e di una chiesa dedicata a S.Maria di Ispida.
Il monastero di Lispida, sorto in posizione isolata e tranquilla, fu sempre un luogo ricco di fascino, oltre che un ambiente ideale per la coltivazione della vite e dell’olivo. Nel 1485 il Doge della Repubblica di Venezia Giovanni Mocenigo confisca ai monaci la proprietà : “affinché le vigne, gli olivi e i campi non siano abbandonati, siano seminati e coltivati nella giusta stagione, e la pietra del colle ci venga mandata con regolarità”.
La storia monastica di Lispida si interrompe nel 1792. La proprietà viene in seguito acquistata dai conti Corinaldi, i quali sui resti del vetusto monastero edificano le costruzioni che oggi vediamo, le dotano di cantine imponenti e piantano tra i primi in Italia vitigni bordolesi dedicati alla produzione di vino. Durante la prima guerra mondiale il Castello di Lispida ospita il quartier generale del re Vittorio Emanuele III.