Degustazione guidata: “Noè beveva Garganega?”
Sabato 27 Aprile 2019 alle 16.45
presso Ca’ Lustra

Garganega ovvero Grecanico: un vitigno antico almeno quanto la cultura (v)Eneta.
Un viaggio affascinante nella genealogia di uno dei vitigni più antichi del mondo.

In questa quinta puntata del nostro ciclo di degustazioni partiamo davvero dalla notte dei tempi. Non solo dalla Georgia, dove storicamente si colloca la nascita della viticoltura europea, ma anche dall’Armenia, dove abbiamo scovato un produttore straordinario con vigneti a due passi dalla “cantina” più antica al mondo, 6.100 anni certificati, a 1.400 mt slm in Yeghegnazdor. Perché da quei luoghi iniziò l’ininterrotto cammino del Grecanico/Garganega, avo di un gran numero degli odierni vitigni.
Vicine, ma separate dall’Ararat, Georgia e Armenia sono vistosamente lontane tra loro in termini socio-culturali tanto quanto nell’approccio con il vino. Ci piace pensare che i nostri avi Eneti di 3.000 anni fa avessero già in sè un po’ del pensiero raffinato e profondo degli antichi Armeni, dal momento che vivevano sulla sponda Sud del Mar Nero non lontano da quelle montagne. E forse questo diverso approccio ha portato ogni regione della nostra “Enotria” in un proprio percorso evolutivo del Grecanico primigenio: talvolta vino “da sete”, come ancora è inteso nella Kachetia Georgiana (dove il consumo annuo del bianco Rkatsiteli è ancora sopra i 200 litri pro capite), in altri casi vini sacri, raffinati, irripetibili altrove.
Ecco quindi una divagazione ragionata fra Trebbiani e Mantonico, fra Catarratto e Albana, fra Garganega e Carricante e Malvasia di Candia, con ancora qualche “esotismo” come la Voskeat Armena e la Rkatsiteli Georgiana.
Divertimento assicurato con un viaggio nel tempo e nella geografia in una dozzina di bicchieri che solo i vitigni bianchi riescono a rendere così variegato e intrigante.
I vini in degustazione:
• Garganega macerata 2017 – Ca’ Lustra – Zanovello (Veneto – Colli Euganei)
• Trebbiano Spoletino 2016 – Leonardo Bussoletti (Umbria)
• Grecanico dell’Etna “Incanto” 2017 – Enza La Fauci (Sicilia – Etna)
• Albana “Tergeno” 2017 – La Zerbina (Romagna)
• Mantonico 2014 – Statti (Calabria)
• Vespaiolo 2016 – Maculan (Veneto – Breganze)
• Voski 2016 – Zorah (Armenia)
• Rkatsiteli 2017 – Pheasant’s Tears (Georgia – Kakheti)
• Carricante “Pietramarina” 2015 – Benanti (Sicilia – Etna)
• Trebbiano d’Abruzzo 2016 – Emidio Pepe (Abruzzo)
• Malvasia di Candia “Ageno” 2014 – La Stoppa (Emilia)
• Catarratto 2018 – Valdibella (Sicilia – Alto Belice)
• Soave “Roccolo del Durlo” 2017 – Le Battistelle (Veneto – Soave)
Dettagli organizzativi:
Dove: presso Ca’ Lustra – via San Pietro, 50 – Faedo di Cinto Euganeo (PD)
Quando: Sabato 27 Aprile alle ore 16.45
Costo: 30€ a persona.
• I posti sono limitati.
• È necessaria la prenotazione: tel. 0429 94128 – email: info@calustra.it
Vi consigliamo di prenotare subito se la degustazione è di vostro interesse: i posti sono limitati e abbiamo sempre lunghe liste d’attesa.

Per rimanere aggiornati sugli eventi in cantina iscrivetevi alla nostra newsletter alla sezione iscriviti.